Indietro

Forteto, condanna definitiva per Fiesoli

Rodolfo Fiesoli

Lo ha decretato la Cassazione respingendo il ricorso presentato dal fondatore della comunità del Forteto contro la condanna di secondo grado per abusi

ROMA — Si chiude il lungo capitolo giudiziario che ha avuto per protagonista Rodolfo Fiesoli, 78 anni, fondatore della comunità del Forteto di Vicchio del Mugello (vedi qui sotto gli articoli collegati).

La Cassazione ha respinto il ricorso presentato dai legali di Fiesoli contro i giudici di secondo grado che, in un procedimento bis, avevano condannato il guru a 14 anni e dieci mesi carcere per abusi e maltrattamenti su alcuni ragazzi minorenni che nel corso di quasi vent'anni furono affidati alla comunità del Forteto dal Tribunale dei minori di Firenze. Una delle vicende più buie della storia della Toscana.

Definitiva anche la condanna a sei anni e quattro mesi di carcere per Daniela Tardani, una delle donne affidatarie dei minori.

La Cassazione aveva già emesso una sentenza su Fiesoli nel 2017, confermando le sue responsabilità penali ma rinviando un capo di imputazione al tribunale di appello per una rivalutazione. Dopo il pronunciamento Fiesoli venne anche arrestato ma poi tornò in libertà perchè il procedimento penale non poteva essere considerato ancora concluso. 

Oggi la condanna definitiva.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it