Indietro

Sisma in Mugello, ancora 800 sfollati fuori casa

Il presidente della Regione e commissario per la ricostruzione ha fatto il punto sul terremoto in Mugello. In arrivo i contributi per le famiglie

FIRENZE — A poco più di un mese dal terremoto che ha colpito il Mugello il 9 Dicembre 2019 restano ancora fuori casa, perché le abitazioni sono diventate inagibili, 808 persone: 106 vivono in hotel mentre 702 si sono sistemate in autonomia, la maggior parte da parenti. Entro trenta giorni saranno effettuate tutte le perizie necessarie per capire l'entità degli interventi da effettuare sugli edifici danneggiati.

Il punto sulla situazione dei Comuni colpiti dal terremoto di Dicembre è stato fatto dal presidente della Regione e commissario per la ricostruzione Enrico Rossi in una riunione insieme ai sindaci mugellani. Rossi ha anche annunciato due contributi per chi ha la casa inagibile. Uno per l'autonoma sistemazione che andrà da un minimo di 400 ad un massimo di 900 euro, e uno per risistemare in tempi rapidi gli edifici danneggiati con un sostegno di 25mila euro.

"Emerge un quadro su cui bisogna lavorare", ha spiegato il presidente della Toscana Enrico Rossi dopo una riunione coi sindaci dell'area colpita. Nel dettaglio ci sono 778 persone fuori casa nel comune di Barberino di Mugello e una trentina di persone nel comune di Scarperia e San Piero. In tutto 350 famiglie alloggiate alcune in alberghi e la maggior parte presso parenti. Inoltre risultano 150 edifici inagibili, di cui
115 a Barberino, 28 a Scarperia.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it