Indietro

Fiesoli, malore dopo l'arresto, è in ospedale

Il fondatore del Forteto, condannato in via definitiva, si è sentito male alla fine delle procedure di arresto. E' stato trasferito a Ponte a Niccheri

FIRENZE — Fuori programma durante le procedure di arresto di Rodolfo Fiesoli, il fondatore della comunità del Forteto di Vicchio del Mugello, condannato in via definitiva a 15 anni e dieci mei di carcere dopo il pronunciamento della Corte dei Cassazione di ieri.

Questa mattina i carabinieri hanno prelevato Fiesoli dalla sua abitazione di Pelago e poi lo hanno portato nella caserma di Pontassieve per le foto segnaletiche e altre procedure di rito. Espletate le formalità, lo hanno fatto salire in macchina per trasferirlo in carcere ma a quel punto Fiesoli ha accusato un malore e i militari hanno deciso di accompagnarlo fino all'ospedale di Ponte a Niccheri per accertamenti.

Stando ad alcune testimonianze, Fiesoli, quando si è trovato sulla porta di casa i carabinieri, si sarebbe mostrato sorpreso. Poi ha messo alcuni abiti in una borsa e, in silenzio, li ha seguiti.


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it