Indietro

Tpl, "Disservizi reiterati e mai comunicati"

A dirlo il sindaco Cristian Menghetti che alza la voce contro CAP: autobus malandati e privi di manutenzione, corse che saltano senza preavviso

PALAZZUOLO — Autobus malandati e privi di manutenzione che restano fermi nei garage perché troppo vecchi. Corse che saltano senza preavviso e senza nessuna comunicazione ufficiale. Questa la denuncia del primo cittadino palazzuolese Cristian Menghetti che dichiara come "la situazione della storica azienda di trasporto pubblico con sede a Prato ha raggiunto il livello di massima allerta". 

A seguito di numerosi reclami arrivati dalla scuola, dai genitori, dagli studenti delle scuole superiori e dai concittadini riguardo l’assenza dei bus Cap agli orari previsti il sindaco lancia l'allarme e denuncia una gestione che «non è più tollerabile». 

Da giovedì scorso infatti, sono numerose le corse che l’azienda avrebbe dovuto effettuare come da contratto con gli enti pubblici e che invece non sono state effettuate creando un disservizio a studenti, genitori ed utenti del servizio. 

"Abbonamenti regolarmente pagati per un servizio inaffidabile - prosegue arrabbiato Menghetti - che costringe le famiglie a fare salti mortali per riorganizzare le loro giornate e a significative spese aggiuntive, semplicemente per garantire ai ragazzi di seguire le lezioni. Da una azienda storica come la Cap - prosegue - non ce lo saremo mai aspettati, probabilmente è il caso che la direzione vigili maggiormente sull’operato dei responsabili locali". 

L’azienda infatti allo stato attuale non ha informato né la Città metropolitana né il Comune riguardo le proprie difficoltà, gettando famiglie e viaggiatori nel caos. 

Sempre per il sindaco. "Ad oggi non è giunta nessuna comunicazione riguardo possibili problemi, ma i bambini (anche piccolissimi) delle scuole sono rimasti in mezzo alla strada perché i bus non si sono visti. Per gli studenti delle scuole superiori - rimarca con evidente disappunto - è andata forse ancora peggio, perché hanno dovuto raggiungere Casola Valsenio autonomamente, alle 6 e mezzo del mattino. Un comportamento inaccettabile da parte di una azienda che deve garantire per contratto i collegamenti prestabiliti rispettando gli orari, e che viene regolarmente pagata con i soldi pubblici di tutti per effettuare il servizio". 

Ma non ci si limita qui. Il primo cittadino palazzuolese ricorda come "il disinteresse dell’azienda Cap per il nostro territorio era palese, dimostrato dal fatto che non si sono nemmeno presentati alla nuova gara per il servizio di trasporto pubblico nel Mugell. Da una ditta che si considera come un fiore dell’occhiello del settore, ci si aspetta sicuramente una professionalità diversa". 

Intanto la gara sulla fornitura del servizio di trasporto pubblico locale nel Mugello ed Alto Mugello sta andando avanti ed è in fase di aggiudicazione, il consorzio di imprese che ha vinto la gara ha messo sul piatto 5 milioni di euro di investimenti per il rinnovo completo del parco mezzi e grazie dall’ottimizzazione della gestione saranno ottenibili delle economie di scala utili per fornire ai residenti un incremento delle corse. Vista la situazione precaria di Cap, l’attesa del nuovo gestore si fa quindi sempre maggiore.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it